“Azzate San Giuvanni” in Provincia di Lecce.

Iniziata con altre intenzioni, la nota “Azzate San Giuvanni” (1) ha risvegliato in molti che l’hanno letta il ricordo di questa antica invocazione popolare. Si sono ricordati di quando l’hanno sentita pronunciare da piccoli dalle nonne o dalle zie. Alcuni, che hanno ancora la fortuna di avere i propri cari anziani in vita, sono andati da loro chiedendo di risentirla. Molti mi hanno scritto riportandomi la loro versione o preghiere similari dove, pur non essendo San Giovanni Battista il destinatario dell’invocazione, ci si rivolge comunque ad un santo o santa affinché protegga la casa e i propri cari dal maltempo.

“Azzate San Giuvanni”, un’invocazione a metà tra filastrocca e preghiera, veniva recitata dai nostri anziani quando il cielo veniva ricoperto da nere nubbi e scoppiavano quei temporali i cui tuoni facevano tremare i vetri delle porte di casa, la luce dei lampi filtrava dai “purtiddhri” chiusi, facendo temere per i propri cari ancora fuori per le campagne a lavorare.

E’ così iniziata una sorta di raccolta delle diverse versioni con cui questa preghiera veniva pronunciata nei paesi della Provincia di Lecce. Un viaggio nella tradizione che è diventato anche un’occasione per apprezzare le diversità di pronuncia e di vocaboli del nostro ricco dialetto salentino.

Tuglie

Partiamo da Tuglie dove vi sono diverse versioni di questa preghiera.

Azzate, San Giuvanni, e nu durmire,
ca visciu tre nuveje caminare
una te acqua,
una te ientu,
una te triste e ‘mmaletiempu.
Portale addhai ci nu canta caddhu,
addhai ci nu luce luna,
addhai ci nu nasce nuddha anima criatura

Ddisciate San Giuvanni,
c’aggiu vistu tre  nuveje
una te acqua,
una te ientu,
una te triste e mmaletiempu.
Ziccale tutt’etre e mintale intra na crutta scura
Addhu nu vive nuddha anima criatura

San Giuvanni ‘mperatore ci purtasti nostru Signore
Lu purtasti e lu ‘nducisti
lampi e troni ‘nde sparasti
Portali fore fore, addhu nu passa anima te lu creatore.

Vi è poi un’ulteriore preghiera che vede Santa Barbara e non San Giovanni, come santa a cui destinare le proprie invocazioni.

Santa Barbara ca camini a ‘mmenzu a li campi
e nu timi né troni né lampi
pensa a mie e a tutti li addhi
cu lu Padre
cu lu Fiju e
cu lu Spiritu Santu

Casarano

Azzate, San Giuvanni, e nu durmire,
ca s’anu viste tre nuvule passare,
una de acqua, una de ientu,
l’addha de tristu maletiempu.
Pija la scera e portala a ‘mmare,
addhai ci nu face male.
Addhai ci nu canta gallu,
addhai ci nu luce luna,
addhai ci nu nasce nuddha anima criatura.

Galatina

A Galatina ho raccolto due diverse varianti di questa preghiera.

Azzate Giuvanni e ‘nnu ddurmire
ca visciu tthre nuveje caminare,
una d’acqua, una de vientu,
una de tristu ‘mmaletiempu.
Portale a quiddhre parti scure
a ddhrai cci nu canta gallu,
nu lluce luna,
nu ‘nnave nuddhr’anima criatura.

Azzate San Giuvanni e nu durmire
ca visciu tre nuveje caminare
una de acqua, una de vientu,
una de tristu mmaletiempu.
Vane addhrai ci nu canta callu e nu lucisce luna,
addhrai nunn’ave addhra anima criatura
ca la Madonna mmienzu ‘llu campu nu time nè tronu nè llampu

Montesano Salentino

Azzate, San Giuvanni,
e dduma le cannile,
ca ieu visciu tre nuvule vinire:
una de acqua, una de ientu,
una de tristu maletiempu.
San Giuvanni se zzò,
le cannile ddumò,
lu maletiempu passò.

Vernole

A Vernole questa preghiera vede al centro delle invocazioni Santa Rosalia.

Santa Rosalia subbra nnu munte sstia,
tridici pecureddhere sta uardà
idde tre nuvule passare,
una te acqua,
una te jentu,
una te tristu maletiempu
addhu le facimu scire?
addhu nu canta caddhru,
addhu nu lluce luna,
addhu nun cce nuddhra anima criatura.

Veglie

Ausate San Giuanni e no durmire
ca sta besciu tre nuegghie ti l’aria inire
una ti acqua, una ti jentu, una te tristu e male tiempu.
A mare a mare a do
no canta iaddhru
a do no luce luna
male nu fare, male nu fare, male nu a fare a nuddhu fiju ti criatura.

Galatone

Asate, San Giuanni, e no durmire,
ca s’onu iste tre nuule passare,
una ti acqua, una ti ientu,
l’addrha ti tristu mmaletiempu.
Pigghia la scera e portala a mmare,
addhrai ci no face male.
Addhrai ci no canta gallu,
addhrai ci no luce luna,
addhai ci no nasce nuddhra anima criatura.

di Massimo Negro

_______________

(1) “Azzate San Giuvanni e ‘nnu durmire.
https://massimonegro.wordpress.com/2011/12/09/azzate-san-giuvanni-e-nnu-durmire/

Annunci
Galleria | Questa voce è stata pubblicata in Miscellanea e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...