Galatina. La Camara, un gioiello dimenticato.

Immaginate di vivere in una vecchia masseria nel Salento, circa quarant’anni fa. Una masseria con mura spesse, possenti. Anche quelle interne.
Immaginate di trovarvi in una stanza, non una stanza anonima perché la porta di ingresso lasciava pensare ad un’antica chiesetta, ma completamente spoglia con mura imbiancate a calce.

In questa stanza una parete, ogni volta che vi appoggiavate, poggiavate qualcosa o battevate con il martello per un chiodo o altro, suonava come vuota.  Un suono strano, diverso rispetto a quello delle altre pareti spesse della masseria.
Finchè un bel giorno presi dalla curiosità, vi siete armati di attrezzi e avete deciso di buttar giù il muro per vedere cosa nascondesse quella parete.
Man mano che i mattoni venivano giù vi comparivano dinanzi colori, aureole, facce di Santi. Quando infine l’intera parete era stata abbattuta vi siete trovati dinanzi un’autentica meraviglia. La Camara.

La Camara è il nome di una masseria di Collemeto, frazione di Galatina, ormai inglobata nel centro abitato. La storia del ritrovamento mi è stata raccontata dal proprietario durante la visita del sito ed  è proprio quello che accadde quel giorno. Circa quarant’anni fa ci fu il ritrovamento dell’affresco che, ancorchè  non in buone condizioni, si può ancora ammirare.

La Camara rappresentava in antichità il cuore e il centro della zona dove ora sorge l’attuale Collemeto. Antica testimonianza del tipico casale aperto, dove gli abitanti dell’epoca pur dimorando in unità abitative disposte all’esterno della masseria e comunque nei pressi, ad essa  si rifacevano per le questioni economiche, tasse e soprattutto per rifugiarsi in caso di pericolo.

La masseria ingloba la cappella di “Santa Maria di Tollemeto” detta anche “Camara” o “Cammara”. Come accennato in precedenza le decorazioni all’entrata della  stanza visitata lasciavano presagire al fortunato scopritore il suo utilizzo a fini di culto. Due eleganti capitelli con classiche decorazioni rappresentate da foglie, sui quali si poggia l’architrave della porta d’ingresso, sormontata da una sorta di ampio arco, che disegna una lunetta sulla parete, anch’esso decorato nei suoi contorni.

Sull’affresco interno, molto rovinato ma non irrimediabilmente compromesso, sono rappresentate quattro figure. Quelle centrali ancora agevolmente leggibili, una terza figura molto rovinata, una quarta di cui si intravede solo poco meno della metà. Queste figure sono state attribuite a (da sinistra verso destra): Vergine Maria, San Giovanni, San Pietro e San Paolo. Considerando la loro disposizione e quanto è ora visibile dell’affresco, si può senza tema di smentita ipotizzare che la decorazione paretale fosse indubbiamente più vasta di quella ora visibile.

La cappella è privata , come la masseria che nel frattempo è stata suddivisa tra i figli di chi ritrovò casualmente gli affreschi.  Il sito purtroppo non ha avuto e continua a non avere l’interesse e l’attenzione che merita, in particolare da parte della classe politico-dirigente (e questa non è una novità) e intellettuale galatinese. In particolare con quest’ultima costitutita principalmente da professori e storici pronti più alla “mera” scrittura di libri che alla “vita” e  al reale interesse alle condizioni delle importanti cripte e dei siti basiliani presenti nel circondario galatinese.

Quando visitai il sito, un pò di tempo fa, il proprietario si dichiarò disponibile a realizzare qualunque forma di collaborazione con gli enti locali, anche riguardo lo stato dell’immobile, pur di salvarlo. Il proprietario è sempre disponibile ad aprire la masseria per far visitare la cappella, anche a scolaresche. L’interesse del sito è testimoniato anche da tesi di laurea e dalla visita di studiosi non solo locali.

Gli affreschi della Camara sono un gioiello ritrovato ma che si sta facendo in tempo a perdere, o quasi, se non si corre subito ai ripari.

di Massimo Negro

http://www.youtube.com/watch?v=6Y9veElKWaQ

Annunci
Galleria | Questa voce è stata pubblicata in Abbazie basiliane, Collemeto, Galatina e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...