Galatina. Antichi massi, pozzi e cisterne lungo la strada per Lecce.

Una pietra …

1

Due pietre …

2

Un intero muro …

3

E trattandosi di un intero muro qualche interrogativo viene guardando il materiale con cui è stato realizzato.

4

Un muro le cui pietre che lo compongono hanno le dimensioni di massi. Non dalle forme grezze, ma lavorati e squadrati con precisione. Estratti non da macchinari ma grazie alle mani dell’uomo e ad antichi strumenti di lavorazione della pietra.

La zona si trova all’uscita di Galatina in direzione di Lecce.

Quali siano le origini di questo muro, da chi fu costruito e a cosa potesse servire, sono tutt’oggi domande alle quali non vi sono risposte certe.

Qualcuno pensa ad origini messapiche, mentre altri citano il periodo medioevale. La risposta corretta è che nessuno oggi può dare certezze perché l’area, a quanto mi risulta (e sarei ben felice di essere smentito) non è mai stata seriamente indagata dal punto di vista archeologico.

IMG_5005

Cosa realmente rappresentano quelle pietre, solo il tempo unito alla buona volontà di chi di competenza ce lo potranno dire. In particolare quest’ultima.
Certo è che questo sito, insieme all’intero interland galatinese, alle sue cripte, alle sue antiche chiese, rappresenta efficacemente lo stato di più generale disinteresse che la comunità Galatinese ha verso la sua terra e la sua storia.

E a nulla valga eccepire che trattasi di siti privati perché questo, in altre realtà, non ha fermato iniziative di recupero e di valorizzazione. Molti dei siti di interesse storico ed archeologico sono già stati trattati in quest blog; per cui non mi dilungo.

5

6

Tornando al piccolo appezzamento di terra in oggetto, a renderlo ancora più suggestivo vi sono due grandi pozzi con annesse cisterne.

7

8

Per uno di questi venne anche realizzato un canale di conduzione delle acque scavato nella roccia.

9

10

Qualche reperto interessante, se si ha occhio, lo si riesce a trovare. Ad esempio queste due antiche “pisare”.

11

12

Non c’è molto da aggiungere perché questo è lo stato dei luoghi e quanto si può sapere della sua storia.

Questo vuole essere solo un piccolo contributo per una riflessione più ampia che vada ad abbracciare l’intero territorio galatinese extra moenia, al di fuori della mura.

Ritengo che sia giunto il momento di farlo!

di Massimo Negro

Advertisements
Galleria | Questa voce è stata pubblicata in Galatina e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Galatina. Antichi massi, pozzi e cisterne lungo la strada per Lecce.

  1. Pingback: Santa Maria della Grotta e località 'li Grutti' sommersa dai rifiuti e divorata da incendi e folli colate di cemento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...