Nociglia. Tra gli sguardi ammalianti de la Madonna dell’Itri.

Lungo la statale che conduce da Maglie verso Santa Maria di Leuca compare d’un tratto un piccolo paese, Nociglia. Una deviazione sulla sinistra e si entra nel centro abitato, uno dei tanti della nostra terra. Piccole case a pian terreno allineate una dietro l’altra affacciate sulla strada, nel silenzio di un primo pomeriggio domenicale.

Lasciata la macchina in una piccola stradina e presa la borsa con l’attrezzatura fotografica, mi dirigo verso una piccolo edificio religioso, lì nei pressi.

Sinceramente? Guardo la facciata della chiesetta e penso – “Speriamo che ne valga la pena!”. La facciata dell’edificio non lascia trasparire nulla di particolarmente rilevante all’interno. Ormai ci sono e non mi resta che entrare. Tra l’altro a Nociglia non ho mai messo piede, ma mantengo un vago ricordo di un mio compagno di classe dei primi anni del Commerciale a Casarano. Al più andrò a cercare la piazza del paese e prenderò un caffè prima di rimettermi in macchina.

Entro nella chiesetta  a navata unica e il presentimento di aver fatto un viaggio per niente, ahimè, inizia a prendere corpo. Tiro fuori la macchina fotografica, faccio un paio di foto , così, tanto per conservarle in archivio e rimessa in borsa inizio a dirigermi verso l’uscita.

Ero ormai sulla soglia dell’edificio quando con la coda dell’occhio mi accorgo di un gruppo di persone che spunta da dietro l’altare con facce estasiate. Faccio dietro front e mi dirigo verso l’altare camminando lungo il lato destro della piccola navata.
Scosto una tendina e d’un tratto …

Nociglia 2La fondazione della Chiesa di Santa Maria de Itri, o dell’Itri, si può ipotizzare tra la metà e la seconda metà dell’XI secolo sul finire del periodo bizantino in Salento. Il primo ed anonimo edificio religioso che occorre percorrere per entrare nel sito più antico, è stato costruito nel 1921 e addossato al preesistente.

Dell’edificio non è nota la funzione originaria e, quindi, per cui lo stesso venne fondato. Considerando la collocazione geografica di Nociglia si può ipotizzare, in assenza di prove documentali, che fosse una tappa nel viaggio di pellegrinaggio verso il Santuario di Santa Maria de Finibus Terrae.

Per quanto concerne il nome dell’edificio, si suppone che possa rientrare nella più antica e vasta tradizione e devozione religiosa rivolta alla Madonna Odigitria (colei che mostra la via). Successive trasformazioni del nome hanno portato all’utilizzo del solo “-itria”, successivamente adattato in “Itri”, con il successivo intreccio \ aggiunta di una devozione verso una “Madonna dell’acqua”. Su questo punto mi riservo successivi approfondimenti se avrò l’opportunità di una successiva visita in loco.

La decorazione pittorica abbraccia numerosi secoli, a partire dall’XI fino al XVIII, e non sono difficili da notare i diversi strati pittorici presenti in diversi punti lungo le pareti.
Entrando, sulla parete frontale, è presente un altare posticcio e la presenza  di diverse statue, tra cui anche quella di Santa Marina, Santa alla quale sono particolarmente legato nelle mie ricerche per il Salento.

Volgendo la sguardo alla decorazione pittorica, lungo la parete settentrionale, appare una figura che è stata attribuita a San Giuliano, con sovrapposte due figure parziali di santi non identificabili. Subito dopo vi è una bellissima rappresentazione della Trinità.

Nociglia 3

Tra le due scene pittoriche è presente un’iscrizione greca che recita – “ Ricordati Signore del (tuo) servo Andrea con sua moglie e i suoi figli. Amen” .

Nociglia 4

Subito dopo appare un trittico di grande bellezza e dagli inequivocabili richiami al cantiere di Santa Caterina d’Alessandria di Galatina.

Nociglia 5

Nel primo riquadro è raffigurata una Madonna orante con Bambino. La Madonna con un bellissimo collo lungo ha un’espressione sorridente ma con uno strano ed inusuale sguardo “tagliente”.

Nociglia 6

Nel riquadro centrale è raffigurato San Nicola, antico patrono di Nociglia, assiso in trono in abiti vescovili.

Nociglia 8

Subito dopo è raffigurata la Madonna del velo, cioè una Madonna intenta ad alzare un velo di seta trasparente sul Bambino.

Nociglia 9

A chiudere il ciclo pittorico della parete settentrionale un affresco con la presenza del Mandylion, ovvero del volto di Cristo rimasto impresso su una tovaglietta di lino e che si racconta fosse conservato nella città di Edessa fino al X secolo.

Nociglia 10

Nella sezione superiore della parete settentrionale sono raffigurate diverse figure di Sante.

Lungo la parete meridionale, nei pressi dell’altare appare la figura di San Francesco da Paola e successivamente quella di Sant’Antonio da Padova.

Nociglia 11

Seguono diverse figure di Santi e di Sante.

Nociglia 12

Ma lo sguardo viene catturato e rimane lì bloccato da una bellissima figura di Santa dalla sguardo e dalla posa inequivocabilmente maliziosa.

Nociglia 14

La figura di questa santa è stata attribuita a Santa Cesarea e, secondo lo studioso Ortense, è la più antica rappresentazione ad oggi conosciuta della Santa. Un gioiello. Solo la vista di questo affresco merita una visita a questo splendido luogo.

Nociglia 15

In una nicchia, vi è la rappresentazione di Sant’Anna, la Vergine e il Bambino.

Nociglia 16

Sulla sezione superiore sono raffiguranti, da sinistra verso destra: San Giuseppe, Madonna con Bambino tra angeli e anime purganti, San Leonardo, Sant’Onofrio e, infine, una Madonna con Bambino in trono.

Nociglia 17

Nociglia 18

Nel mezzo della chiesa sul pavimento vi è una grata che conduce all’ossario della chiesa, nel quale sono conservati in dei cassettoni le ossa dei fedeli defunti.

Nociglia 19

Il racconto della decorazione paretale è parziale, per questo vi invito ad andare a visitare personalmente questo luogo. Cosa che spero di poter fare nuovamente anch’io quanto prima. A Nociglia.

di Massimo Negro

Fonte documentale:
“Nociglia. Chiesa di Santa Maria de Itri. Un palinsesto pittorico sulle rotte Leucane”.
A cura di Sergio Ortense. Edizione De LA’ DA MAR . Collana Diretta da Sergio Ortense [ndr: ne consiglio vivamente e spassionatamente l’acquisto, così come degli altri volumi che compongono la collana].

Advertisements
Galleria | Questa voce è stata pubblicata in Nociglia e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...